Imprenditoria

Vendere consulenze online: ciò che è meglio sapere ed a quali tool affidarsi

Vendere consulenze online, per molti può sembrare un passo troppo azzardato da compiere.

Ma quando si acquisiscono numerose competenze nel proprio ambito lavorativo, questa scelta può portare a numerosi benefici

In questo articolo si potrà trovare perchè vendere consulenze online e come attrezzarsi al meglio per iniziare.

Perché scegliere di fare consulenze online?

La vera domanda è: perchè non farle? 

Quando si arriva ad essere degli esperti nel proprio settore e si ha acquisito una notevole esperienza,si può pensare di affidarsi anche ai metodi “meno tradizionali” per proseguire con il proprio lavoro.

Sto parlando appunto di vendere consulenze online.

In molti ancora vedono il “lavorare online” come qualcosa di poco serio o poco redditizio.

Ma non c’è niente di più sbagliato.

Online come nella vita “fisica”, è importante sapere a chi affidarsi: si possono trovare persone serie e persone poco serie in entrambe le situazioni.

Se si riesce ad avere un minimo di accortezza su chi si ha di fronte, internet è un ottimo strumento per imparare e acquisire nuove competenze.

Quanti lati positivi si possono trovare?

Beh, parecchi.

Negli ultimi anni, sempre più persone hanno capito che tramite le consulenze online è possibile creare un proprio business.

Il tutto, abbattendo molte spese e altri problemi che porta l’avere un luogo fisico dove ospitare la propria attività. 

Basti pensare alla totale eliminazione delle spese di affitto, a quelle per i mezzi di trasporto, alla benzina necessaria e molto altro.

Per vendere consulenze online, ciò che veramente serve è una linea internet a banda larga (che al giorno d’oggi è possibile ottenere a prezzi contenuti) ed un computer.

Come iniziare

Ovviamente, per iniziare a vendere consulenze online, la prima domanda da porsi è: conosco qualcosa così bene (e che interessi il pubblico) da poter insegnare agli altri?


Se sì, allora si è già a metà del lavoro.

In molti tra chi decide di vendere consulenze online, lo fa come “extra” al proprio lavoro standard: scegliendo questa strada è infatti possibile generare entrate economiche soltanto basandosi sulla propria esperienza pregressa.

Lettura correlata:
12 modi per ottenere l’attenzione di un mentore

Attenzione però, molto spesso capita che chi decide di intraprendere questa strada, si blocchi chiedendosi: Che tipo di prodotti vendere? Come si possono promuovere? Come si capisce se quello che sto facendo funziona bene e sta avendo successo?

Vediamo di seguito alcuni consigli.

Decidere cosa vendere

La buona notizia è che probabilmente chi ha deciso di voler vendere consulenze online, ha una grande varietà di risorse ed esperienze preziose che usa per istruire i suoi clienti esistenti, il che significa che non c’è molto da preparare.

Oltre all’offrire consulenze dirette con i propri clienti, (il metodo più semplice poichè non necessita di particolari strumentazioni) è anche possibile decidere di affidarsi all’utilizzo degli infoprodotti.

Gli Infoprodotti, o prodotti digitali come ebook, corsi online, prodotti audio, modelli scaricabili, software, ecc. , sono sempre gli strumenti più interessanti grazie loro bassi costi di realizzazione, infatti il tuo investimento principale sarà il tempo e le competenze che hai acquisito nel tempo.

Tutto quello che bisognerà fare sarà impacchettare tali risorse in prodotti che è possibile vendere online. 

Si potrà infatti scegliere tra: eBook, inviare video via email, creare guide, podcast, corsi online o webinar.

Sicuramente per iniziare non sarà necessario creare tutti questi infoprodotti, sarà sufficiente realizzarne un paio e vedere che impatto avranno nel proprio business business. 

Allo stesso tempo, si potranno studiare i risultati ottenuti dalle consulenze online e comprendere sempre di più le esigenze del pubblico e dei propri clienti, capendo così quello che loro desiderano maggiormente apprendere.

Scegliere gli strumenti giusti

La scelta degli strumenti giusti quando si lavora sul web è di fondamentale importanza.

Questo vale anche per quando si vogliono vendere consulenze online.

È per questo consigliato impiegare il tempo necessario per scegliere con attenzione a quale software appoggiarsi.

Chi fa consulenze online spesso decide di utilizzare tool come Zoom Meetings o Skype per effettuare le videochiamate.

Non c’è niente di peggio di ritrovarsi nel bel mezzo della consulenza e avere problemi con il software che si ha scelto.

Per questo consiglio di provarne diversi, effettuare prove e scoprire con quale ci si trova meglio, prima di metterlo in pratica “ufficialmente”.

Lettura correlata:
10 Step per affrontare le critiche

Creare una strategia di marketing efficace

È anche molto importante creare una propria strategia di marketing per far sapere alle persone che è disponibile anche questo servizio.

La creazione di un sito web personale, quando si decide di iniziare a vendere consulenze online è consigliabile, per rendere il tutto professionale ed efficiente. 

Attraverso il sito sarà infatti anche possibile far prenotare ai propri clienti una consulenza attraverso specifici software (ne parlo poco più avanti).

Anche l’utilizzo dei social network, è di grande efficacia in questo processo.

Le piattaforme social più gettonate per chi decide di vendere consulenze online, sono Facebook, Instagram e LinkedIn.

Attraverso una giusta sponsorizzazione online è possibile raggiungere un gran numero di persone, bisognose di consigli, aiuti e supporto.

Gli strumenti utili per chi vuole vendere consulenze online

Si possono trovare online innumerevoli tool che possono semplificare l’esperienza di chi decide di vendere consulenze online, eccone alcuni:

You Can Book Me

Vendere consulenze online usando You can book me

Si tratta di un software che permette di prenotare le consulenze con il proprio cliente.

Grazie alla possibilità di You Can Book Me di connetterlo al proprio calendario, gli utenti avranno la possibilità di fissare il coaching solamente negli slot temporali liberi.

Il benefit principale del booking sul calendario è che i clienti possono prenotare direttamente la loro consulenza e la piattaforma invierà automaticamente delle notifiche ad entrambi, chi la offre e chi ne ha bisogno, in modo da essere sempre al corrente degli impegni durante la giornata.

Calendly

Calendly per vendere consulenze online

Questo tool ti aiuta principalmente nella fase di appuntamento con il cliente, evitando di scambiarsi numerose email inutilmente.

In che modo Calendly è utile? 

Anche per questo tool, è possibile condividere la disponibilità della giornata ai propri clienti.

L’unico svantaggio è che Calendly offre le integrazioni con i principale calendari solo nella versione Pro, in cui permetterà di utilizzare anche le comuni integrazioni con i sistemi di pagamento più riconosciute in rete. 

Ad oggi Calendly offre l’app per IOS e sta lavorando sulla versione Android ed offre un servizio di pagamento integrato.

Lettura correlata:
29 lezioni di leadership che ti guideranno nei tuoi 30 anni

Se si ha già un servizio di calendario / prenotazioni si può introdurre il solo processo di pagamento con PayPal.

Limitandosi nell’aggiungere una semplice call-to-action che reindirizzi e completi il pagamento con il servizio di Paypal.

Se invece non si ha un sito o non si ha l’intenzione di vendere le consulenze dal proprio sito ci si può affidare a piattaforme di terzi.

Clarity è un valido esempio di queste piattaforme, dove sarà possibile creare un profilo ed esporsi come esperto su specifiche aree. 

Il pagamento avviene sulla base della durata della chiamata intercorsa fra professionista e l’utente che l’ha scelto.

L’unico accorgimento da porre in questo caso è la scelta di un marketplace non troppo generalista: il rischio principale è quello di non incontrare il pubblico adatto per il proprio settore.

PayPal

vendere consulenze online usando PayPal

PayPal è una piattaforma di pagamento elettronica innovativa, estremamente utile per chi decide di vendere consulenze online.

Consente infatti ai clienti di pagare per i servizi offerti.

Essendo la fase di pagamento, una delle più delicate, è estremamente importante affidarsi ad un software professionale e semplice da utilizzare.

Tramite PayPal, si consente ai clienti di acquistare e pagare con il loro metodo preferito, e in totale sicurezza.

Stripe

Come usare stripe per vendere consulenze online

Stripe è una piattaforma innovativa che rende i pagamenti online più accessibili per chi vuole vendere consulenze online. Questo strumento include gli strumenti più potenti che consentono agli utenti di gestire la vendita di consulenze via Internet in modo più rapido e semplice.

Inoltre Stripe offre agli utenti un alto livello di sicurezza perché tutti i dati sensibili e riservati delle aziende e dei loro clienti rimarranno protetti.

La componente fisica

Oltre alle piattaforme online è anche necessario forsi di strumenti di base, che siano in grado di offrire un’esperienza ottimale sia per chi decide di vendere consulenze online, sia per il cliente.

Per questo motivo è importante fare attenzione a 4 cose principali:

  1. Un computer

Non sarà necessario avere un computer di ultima generazione e che costi migliaia di euro, ma è anche importante che non sia troppo vecchio ed obsoleto

  1. Una connessione internet stabile
Lettura correlata:
4 difficili domande da porsi quando si vuole lanciare un brand

Avere una buona linea permetterà di evitare incomprensioni, nervosismo e insoddisfazione nei clienti.

  1. Una webcam

In modo che il cliente possa vedere con chi stia parlando e a chi si sta affidando per migliorare sé stesso e il proprio business.

  1. Un buon microfono

Se per quanto riguarda la webcam è anche possibile utilizzare quella già integrata al proprio computer portatile, per chi decide di vendere consulenze online, è veramente importante procurarsi un microfono esterno.

Questo perché troppo spesso i microfoni integrati nei computer hanno un volume troppo basso o una qualità generale dell’audio veramente scadente.

Per questo motivo è sempre meglio utilizzare microfoni esterni che si possono collegare al pc attraverso la porta USB.

Su Amazon sono disponibili diversi modelli, in base alle esigenze degli utilizzatori.

In questo caso è consigliabile non andare a risparmio nell’acquisto di un microfono esterno, in modo da offrire ai propri clienti una qualità audio eccellente.

Per fare questo consiglio di orientarsi sui microfoni con condensatore Cardioide, che rendono il suono della vostra voce più caldo, limpido e profondo.

Conclusione

In questo articolo ho parlato di come vendere le consulenze online e perchè ogni professionista dovrebbe farle.

Sono un metodo semplice per creare autorevolezza nel proprio settore e , perché no, guadagnare qualche soldo in più.

Quando si decide di affrontare questo percorso è bene fare alcune decisioni preliminari tra cui:

  • decidere che cosa vendere
  • scegliere la piattaforma giusta
  • creare la propria strategia di marketing

Oltre a questo è bene anche essere attrezzati e quindi utilizzare i tool giusti.

Per vendere consulenze online, infatti, è necessario procurarsi:

  • un computer
  • una buona linea internet
  • una webcam
  • un ottimo microfono

Se sei interessato a saperne di più sul marketing digitale e su come avviare un proprio business online partendo dalle basi, allora Clicca Qui e scarica la checklist gratuita di DiventaUnMarketer.

L'autore del post

Valeria Chiaramonte

Studentessa universitaria in economia aziendale, amante della musica e della chitarra elettrica con una grande passione per tutto ciò che comprende il marketing digitale.

Lascia un commento