Email Marketing

Come fare Direct Email Marketing nel 2020 ( + esempi)

Il direct email marketing, è una strategia molto utilizzata ma che in tanti casi, viene confusa, nella forma e nell’utilizzo, con le newsletter ed altre tecniche di email marketing.

Possono infatti sembrare simili ma in realtà sono molto diverse tra loro, soprattutto nei loro obiettivi.

Continua a leggere questo articolo per sapere cos’è il Direct Email Marketing e alcuni esempi di campagne DEM efficaci.

Cos’è il Direct Email Marketing

Il direct email marketing è una tecnica di marketing per cui annunci pubblicitari autonomi e diretti vengono inviati ad un elenco mirato di destinatari.

I messaggi, che possono essere di testo, HTML o altro, possono sembrare degli annunci basati sul Web anziché tipici messaggi di posta elettronica. 

Una serie di elementi rende questa strategia di email marketing diversa dallo spam o da altre campagne email. 

Ad esempio, si possono utilizzare tecniche di personalizzazione in modo che il destinatario venga valorizzato e si instauri un rapporto con esso.

Uno delle caratteristiche delle campagne DEM è anche la selezione degli utenti a cui sono destinate.

Si preferisce infatti indirizzare specifiche proposte ad un gruppo ristretto di utenti, potenzialmente interessati, piuttosto che ad uno più ampio ma meno in target.

I messaggi di direct email marketing spesso includono meccanismi che forniscono al mittente un feedback sull’efficacia della campagna.

Si possono misurare il numero di messaggi che sono stati aperti, di click generati da un messaggio, di destinatari che hanno richiesto la rimozione dall’elenco del mittente e di messaggi respinti dal server del destinatario.

Differenza tra email marketing e il direct email marketing

A questo punto ci si potrebbe chiedere quale sia la differenza sostanziale tra le normali newsletter e le campagne DEM.

Le newsletter sono uno strumento basato sulla fidelizzazione e sull’informazione, offrendo contenuti di valore ed educativi.

Utilizzando le newsletter è possibile attirare nuovi clienti attraverso la Lead Generation, fornire informazioni sui propri prodotti o servizi e molto altro.

Le campagne di DEM, direct email marketing, hanno invece lo scopo di aumentare il fatturato della propria azienda, utilizzando coupon e promozioni personalizzate.

Lettura correlata:
10 Tips che non puoi ignorare sull'Email Marketing

La prima differenza che si può notare con le newsletter è il contenuto, non più informativo, ma che punta all’obiettivo concreto della vendita.

Un’ulteriore differenza è definita dalla cadenza.

Infatti le newsletter generalmente hanno una scaletta precisa per quanto riguarda gli invii.

Cosa che invece non hanno le direct email marketing: se così fosse, il risultato sarebbe quello di infastidire gli iscritti anziché attirarli.

Le campagne DEM, inoltre, puntano al breve periodo e sono basate su target definiti e scelto con cura.

È infatti importante ed efficace proporre il giusto prodotto alla corretta categoria di persone.

Affinché il direct email marketing dia i migliori risultati, è bene che sia affiancato al content marketing.

Perché il direct email marketing funziona?

Direct email marketing

Per quanto riguarda questa strategia di email marketing Neil Patel, ha scritto una ricerca che ha esaminato il ritorno sull’investimento (ROI) medio per mezzo del Direct Email Marketing. 

Anche un sondaggio del 2017 ha mostrato che le campagne di direct email marketing avevano effettivamente un ROI maggiore rispetto sia alla ricerca a pagamento che agli annunci display online.

Altri risultati hanno anche mostrato che il tasso di risposta del direct email marketing del 5,3% è superiore al tasso di risposta dello 0,6% per l’email. 

Allora perché il direct email marketing, qualcosa considerato da molti una strategia in declino, è ancora così efficace?

Il Direct Email Marketing è interattivo

Questo deriva dal fatto che clienti gestiscono personalmente la loro casella di posta e, spesso, prima di eliminare definitivamente una mail, la guardano.

Per questo motivo, il direct email marketing può aiutare a ottenere maggiori attenzioni ai messaggi che vengono inviati.

Ad utilizzare questa tecnica sono anche molto i ristoranti, ed il motivo è semplice.

Spesso la inviano un’offerta promozionale o un coupon, chiedendo in cambio un’azione da parte del cliente, solitamente un acquisto.

E come questo sito, anche molti altri negozi o ristoranti, utilizzano il direct email marketing per ottenere maggiori vendite.

C’è sia la possibilità di inviare coupon a brevi scadenze, sia a più lunghe, in modo da poter essere utilizzate anche in seguito.

Lettura correlata:
11 buone norme da seguire sull’oggetto delle email

Può avere una portata maggiore

Questo tipo di strategia può raggiungere anche quella fascia di utenti che, per vari motivi, non utilizzano i social media.

Utenti che, in altri modi, sarebbero difficili da coinvolgere e portare ad un’azione.

Infatti i messaggi inviati tramite email, sono completamente estranei ad essi.

La soluzione migliore sarebbe quella di integrare le campagne DEM con quelle sui social, in modo da avere una maggiore copertura di utenti.

Il direct email marketing stimola la creatività

Direct email marketing creatività

Come detto prima, è possibile abbinare le strategie sui social media ed il marketing dei contenuti digitali alle campagne DEM, per offrire un percorso del cliente senza interruzioni.

Una società di marketing con sede nello Utah, ad esempio, ha condotto una campagna per le vacanze in cui ha inviato un biglietto e una bolletta di $20 incoraggiando i destinatari a spendere i soldi per una donazione di beneficenza. 

Quando le persone hanno scansionato il codice sul retro della carta, è apparso un video esplicativo su YouTube fornendo loro un hashtag che potevano usare quando pubblicavano il loro contributo sui social media.

Ciò ha aumentato la consapevolezza delle persone del proprio marchio ed ha enfatizzato i valori dell’azienda presso il pubblico.

Come usare le campagne DEM, con alcuni esempi

Generalmente l’utilizzo del direct email marketing, comporta l’utilizzo di tre step:

  1. Creare una Mailing list
  2. Accrescerla e mantenerla
  3. Analizzare i risultati per migliorare

Il primo passo da compiere, quindi, è quello di creare una lista di contatti a cui proporre le proprie strategie DEM.

Le persone devono aver lasciato volontariamente i loro indirizzi email ed essere inserite all’interno delle liste

Questo per un motivo molto semplice.

Trattandosi, come dice il nome, di tecniche dirette e con l’obiettivo di vendere, se viene inviata alle persone non interessate, si rischia di finire nella casella spam o di generare fastidio negli utenti.

Riportando poi lo stesso nell’immagine dell’azienda o marchio.

Ci sono molti metodi efficaci per ottenere gli indirizzi email delle persone, uno di questi è la creazione di lead magnet.

Lettura correlata:
Come creare una squeeze page più sexy di Belen

Nel tempo poi, non basta solo pensare ad  accrescere sempre di più le proprie mailing list, ma anche di mantenere i contatti già acquisiti facendo in modo che non si disiscrivano.

Questo come?

Offrendo loro contenuti  informativi, che facciano capire quanto sono di valore i prodotti e servizi offerti.

Infine in una buona strategia di direct email marketing, non può mancare l’analisi dei risultati.

Si possono effettuare Test A/B per capire quale immagine, quale copy, quale colore spinge di più le persone a compiere le azioni desiderate.

Esempi

Just Eat

Just eat, campagne DEM

Software Codes

Direct email Marketing

Svapify

Italo

Direct email marketing italo

Conclusione

In questo articolo ho parlato di cos’è il direct email marketing, di cosa lo differenzia dalle newsletter e perchè venga usato così spesso:

  1. Il Direct Email Marketing è interattivo
  2. Può avere una portata maggiore
  3. Stimola la creatività

Inoltre abbiamo visto come si utilizzano le campagne DEM, attraverso alcuni esempi.

Se ti interessa saperne di più sul marketing digitale e su come avviare una propria attività partendo dalle basi, allora Clicca Qui e scarica la checklist gratuita di DiventaUnMarketer.

Al suo interno troverai quali sono gli strumenti necessari per iniziare, anche se stai lavorando.

L'autore del post

Valeria Chiaramonte

Studentessa universitaria in economia aziendale, amante della musica e della chitarra elettrica con una grande passione per tutto ciò che comprende il marketing digitale.

Lascia un commento