Business Online Email Marketing

Come aumentare le conversioni attraverso lo split testing delle CTA

Per quali ragioni invii email? Per avere più iscritti, più clienti o per vendere a chi è già tuo cliente? Qualunque sia il tuo obiettivo, dovrai sempre mirare dei destinatari per fare qualcosa.

Perciò includerai una call to action (CTA). La tua CTA è ciò che spinge l’utente a fare ciò che tu vuoi. Se non hai confidenza con le tue CTA, ecco delle rapide soluzioni per te 😉 

Gli split test!

Le CTA, come i moduli d’iscrizione e l’oggetto dell’email, sono meravigliose per gli split test. La giusta call to action possono avere immediatamente effetto sull’email della tua campagna e innalzare realmente le conversioni. Lo split testing è il miglior modo di capire se stai utilizzando la migliore call to action.

Quando si tratta di call to action, il più piccolo cambiamento può avere un enorme impatto e ci sono molte cose che puoi cambiare.

Le variabili

Diverse variabili che possono essere considerate quando progettiamo una call to action:

  • Grandezza (Quanto è lungo il link? Gli utenti potranno vederlo subito?)
  • Colore (Il tasto risalta all’occhio?)
  • Testo (l’utente riesce a capire subito cosa succede se ci clicca?)
  • Posizione (L’utente è costretto a scorrere la pagina per vedere il link/pulsante?)
  • Spazi bianchi (Il link potrebbe perdersi?)
  • Effetti speciali (il tasto attrae attenzioni perché risalta rispetto a tutta la pagina?)

 

I risultati

Abbiamo testato queste variabili nei nostri business nel corso degli anni e voglio condividere con te i risultati 😉 .

Nei primi giorni, l’invio veniva fatto con un link sul nostro blog, con l’intento di accrescere i nostri follower. Volevamo sapere se gli utenti erano più inclini a cliccare su un tasto molto evidente o se avessero preferito un link testuale. Così abbiamo fatto qualche split test. (Qui impari a fare uno split test)

All’inizio, il tasto riceveva più attenzioni. Era grande e spiccava in tutta la pagina, così la call to action è balzata fuori dallo schermo.

Ma poi il link testuale ha battuto di gran lunga il pulsante. Tuttavia, questo non ci bastava e abbiamo continuato con i test.

Alla fine, dopo 40 test, abbiamo deciso che i link testuali erano la nostra migliore call to action. Una volta che la novità del pulsante è stata superata, i nostri iscritti sembravano trovarsi più a loro agio con un link meno evidente.

Lettura correlata:
10 Tips che non puoi ignorare sull'Email Marketing

Quali sono le parole che funzionano?

La formulazione della CTA può avere un enorme impatto sul suo successo.

Ho studiato a lungo l’impatto delle parole “clicca qui” opposte ai link testuali più creativi.

I loro risultati ci hanno riportato indietro alle nostre radici: il “clicca qui” è il modo più efficiente per portare qualcuno a… ecco, cliccare lì.

Per darti qualche dato, la call to action iniziale (“Continua qui”) contro altre tre opzioni ha evidenziato questo impatto sui click:

“Clicca per continuare”: 8,53%
“Continua qui”: 6.3%
“Leggi tutto”: 1.8%
Dato che il vincitore è stato “Clicca per continuare”, ho deciso di cambiare immediatamente tutte le call to action.

I colori

Ho elaborato i risultati scaturiti dal test: pulsanti rossi vs pulsanti verdi.
Il rosso, come colore, può voler dire sia dominio che pericolo. Quindi, che significato avrebbe la call to action in questo caso?

Nel corso di tre casi di studio, dove l’unica differenza tra i pulsanti era il colore, il rosso ha battuto il verde tre volte su tre.

Cosa vuol dire questo per te?

Fai i test! Solo perché i link testuali funzionano e i tasti rossi hanno battuto i verdi tre volte su tre, non vuol dire che questi siano i risultati migliori anche per te.

Tieni sempre presente la tua audience, il tuo obiettivo e la tua strategia per costruire il tuo business. Fai funzionare la migliore call to action adatta a te!

Un test, come dico sempre è il miglior esperto di marketing. Un test non è mai definitivo, c’è sempre qualcosa da testare e risultati differenti a seconda del pubblico di riferimento.

Le variabili sono troppe per definire una risposta definitiva. Ogni mercato deve avere dei suoi test effettuati e ricorda che un test può essere davvero rivelatorio.

Ci sono persone che abbandonano idee di business o progetti perchè non stanno ottenendo risultati soddisfacenti, quando in realtà potrebbe essere anche un solo elemento che non riesce a convertire il visitatore, ecco perché fare un test.. può cambiare la tua visione d’insieme, e la possibilità di capire in fondo il tuo pubblico.

Lettura correlata:
Come utilizzare i criteri di Cialdini per l’A/B test al fine di incrementare vendite e conversioni

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento