Business Online

7 principi inattaccabili per arrivare al successo nel tuo business

Hai mai visto quelle liste sui “migliori libri da leggere”? E’ frustrante vedere più di 50 libri da dover leggere prima di poter procedere con la tua startup.

Tra l’altro ti danno l’idea che se non li leggessi, ti farebbero salire l’ansia per un probabile imminente disastro.

Ad ogni modo, nonostante questo sia vero, ho delle buone notizie per te: non devi leggerli tutti!

Ora andrò a elencarti 7 punti fondamentali sui migliori consigli di cui hai bisogno per un’ottima partenza con la tua attività.

Ti dirò tutto quello che devi sapere? Naturalmente NO ed è qui che arrivano le brutte notizie…

Dovrai leggere quei libri per delle eventualità, ma per risparmiarti del tempo, ho sintetizzato i punti fondamentali, estrapolati da tutti i libri che ho letto, così potrai beneficiare di ottime informazioni.

Sto facendo tutto questo così puoi iniziare a lavorarci da adesso ed evitare scuse come “Devo ancora imparare”, che dici? Quindi, munisciti di carta e penna perché inizierai prima di quanto pensi.

Ecco i sette punti fondamentali di cui hai bisogno per avere successo nella tua attività:

1. E’ tutto un test

Non farai tutto nel verso giusto la prima volta; molti imprenditori pensano di fallire ogni volta che il loro prodotto non porta i risultati sperati.

Sembra una cosa terribile…lo so: lavori su un prodotto per mesi e poi nessuno lo compra, motivo per cui tutti ti dicono di lanciarlo il prima possibile.

Così infatti, potrai ricevere dei feedback e aggiornare rapidamente il tuo prodotto; ascolta le opinioni su di esso molto attentamente prima di lanciarlo di nuovo e ripeti questo processo finché non migliorerai sempre di più.

Non smettere mai di incrementarlo se non risulterà perfetto e ricorda che una startup è come un laboratorio di esperimenti in cui c’è sempre qualcosa da migliorare.

Però, dovrai pensare a una cosa per volta e…un’altra cosa, non accettare soltanto i feedback, ma chiedili e ringrazia chi te li propone!

2. Se qualcuno ti chiede un pesce tu…daglielo!

I clienti non vogliono sapere com’è fatto il tuo prodotto, lasciami fare un esempio.

Lettura correlata:
11 modi per attivare gli utenti

Immagina di andare dal barbiere e, una volta entrato, lui ti dà le forbici e ti insegna come tagliarti da solo i capelli: beh, penso che non ne saresti molto felice.

Tutto ciò che volevi era un rapido taglio per poi andartene, giusto? Non ti interessa imparare a tagliare i capelli, vuoi solo il risultato finale e basta.

Ecco perché non dovresti mai insegnare ai tuoi clienti come pescare, piuttosto vendi loro direttamente il pesce!

“E’ davvero difficile ideare i prodotti tramite i sondaggi. Molte volte, le persone non sanno ciò che vogliono finché non glielo mostri” – Steve Jobs

3. Targhetizza, chiudi e coinvolgi

Sii specifico, non cercare di fare tutto e di targhetizzare chiunque: se pensi che il tuo prodotto sia troppo generale allora sii più specifico, indipendentemente da ciò che vendi, pizza o un corso online.

Eccoti un esempio: vuoi aprire una pizzeria per bodybuilder o il classico e noioso locale? Ovviamente la tua risposta sarà “il primo” perché si fa notare ed è più specifico.

I bodybuilder che amano la pizza si fionderanno alla tua porta perché stai dicendo ai quattro venti che quel locale è per loro: ti focalizzi solo su di loro e gli dai il benvenuto.

Diversamente dalle altre pizzerie che fanno sentire il cliente come uno dei tanti, quando crei qualcosa di speciale per qualcuno, quella persona si sentirà, a sua volta, speciale.

Ma non è tutto qui…hai mai considerato quanto potrebbe costarti promuovere i tuoi prodotti a tutti? Ti do un aiuto: TANTO!

Vendere a chiunque non è una buona scelta da prendere, mi spiego: non venderesti un’auto a un ragazzino di 10 anni o una caramella a una 70enne, no? Appunto.

4. Sai giocare a Monopoli?

Se vuoi realmente realizzare un gran business, dovrai essere molto avvantaggiato per fare la differenza e spiccare fra la folla.

Ricordi la pizzeria per i bodybuilder di cui ti parlavo prima? Questo locale spiccherà più di qualsiasi altra pizzeria.

Contrariamente a ciò che hai imparato a scuola, la competizione è, in realtà, una cosa negativa che dovresti cercare di evitare per il tuo bene, proprio come accade per il locale dei bodybuilder.

Lettura correlata:
Perchè un Marketer DEVE usare un Mac (5 ragioni)

Essi si sono differenziati dalla competizione e hanno iniziato a lavorare per quella piccola nicchia di mercato, che però ora ha permesso loro di avere il monopolio!

Fino a che nessuno inizia a competere con chi ha avuto l’idea della pizzeria per bodybuilder e se chi l’ha ideata continua a scalare rapidamente, rimarrà sempre dominante sul mercato.

Quindi, cosa c’è di tanto brutto nella competizione?

Il problema è che spreca forze ed energie delle persone che pensano alla sopravvivenza piuttosto che all’innovazione e ti ricordo che è proprio quest’ultima a far muovere l’economia.

Guarda queste grandi aziende che fanno leva sull’innovazione e hanno sempre questo tipo di monopolio come Facebook, Google e la Microsoft:

  • Facebook possiede l’80% del mercato dei social network.
  • Google possiede più dell’88% del mercato dei motori di ricerca.
  • La Microsoft possiede più del 90% del mercato dei sistemi operativi per computer (non smartphone).

Sebbene nessuna azienda possieda il 100%, esse mantengono il più alto valore di share ed è proprio questo che le rende attività di successo.

Tuttavia, esse non hanno iniziato da questo punto, ovvero da “grandi”, anzi, sono passate per un piccolo mercato per poi scalare e arrivare dove si trovano oggi (proprio come la pizzeria).

Facebook diventò popolare prima nel College di Harvard poi negli altri college e infine in tutto il mondo, quindi non ha conquistato la terra in una sola notte.

Lo stesso dicasi per Google e per tutte le altre società più grandi su scala mondiale: è proprio questo ciò che dovresti fare anche tu.

 

5. Quanto verrai pagato esattamente?

Le tue entrate sono proporzionali al valore che fornisci, perciò, per prima cosa, andiamo a definire il valore.

Il valore è semplicemente saper rispondere a questa domanda: “Come posso aiutare di più le persone?”, il che vuol dire che più riuscirai nell’impresa e più riceverai guadagni in cambio.

E’ più semplice di quello che pensi, quindi, quando vuoi creare un prodotto, chiediti sempre in che modo puoi aiutare di più i tuoi clienti targhetizzati e assicurati che sia qualcosa di cui realmente necessitano.

Lettura correlata:
21 modi per raggiungere ricchezza e successo

6. Cosa ci guadagno io?

Chi se ne importa delle caratteristiche! Le persone vogliono sapere cosa ci guadagnano: quali vantaggi traggono dal tuo prodotto? Quale problema risolve loro?

Ci sono due tipi di vantaggi, logico ed emotivo (conosciuti anche come “testa” e “cuore” dei benefici), che vuol dire?

Le persone, simultaneamente, valutano se qualcosa cade a pennello, è abbordabile, se incontra una necessità – parte della testa – e se li rende felici, se li fa sentire bene e amati – parte del cuore.

Le caratteristiche fanno parte della logica e, come imprenditore, dovresti capire quali bisogni emotivi puoi colmare con quelli logici.

Riuscirai a spiccare fra la folla quando riuscirai a trovare questa sorta di equilibrio – molti imprenditori, invece, si focalizzano solo sulle opzioni logiche.

Quindi ricorda quanto potere hanno le emozioni e i sentimenti, e procedi in base a questo!

7. Parlano di te?

Probabilmente hai già sentito parlare dei fantastici “word of mouth”, passaparola, o referral di marketing e ciò che senti è vero: ogni azienda ha bisogno di una sorta di passaparola nel marketing, soprattutto all’inizio.

Vuoi sapere come NON averli? Basta essere noioso! Le persone non parlano con chi è noioso; hai mai parlato con qualcuno di ciò che hai mangiato a colazione la scorsa settimana?

No e non ti interessa neanche ricordarlo o parlarne, puoi solo pensare che era la stessa identica e noiosa colazione.

Vuoi sapere come far parlare di te? Sorprendendo i clienti: questo perché le persone parlano di qualcosa che le ha stupite rispetto all’ordinario di tutti i giorni. Solitamente avviene una cosa del genere:

“Non puoi immaginare ciò che mi è successo ieri! Ho ordinato un cappuccino al XYZ e, assurdo, c’era un disegno fantastico che non avevo mai visto! E ho anche avuto una pasta gratis: la migliore che abbia mai mangiato! Dovresti provarlo!”

Non deve essere necessariamente qualcosa di grande e costoso, anzi non dovrebbe esserlo affatto, infatti qualcosa di piccolo come un “grazie” scritto a mano o un piccolo regalo ti porteranno lontano.

Qualsiasi cosa tu faccia, assicurati di non essere noioso e banale, altrimenti tutti si dimenticheranno di te.

“Offri qualità. Alcune persone non sono abituate a un ambiente in cui ci si aspetta l’eccellenza” – Steve Jobs

Ci siamo, eccoci arrivati alla fine dei 7 punti fondamentali di cui hai bisogno per gestire un’attività di successo.

Lettura correlata:
Information Business: 6 ragioni sul perchè creare il tuo

Ma ricorda che conoscerle non basta, dovrai agire! Puoi leggere tutti i libri che vuoi, ma non significherà a nulla finché non ti metti in gioco.

Scrivile e fai riferimento a esse ogni volta che devi prendere delle decisioni relative alla tua attività: non è ciò che sai, ma ciò che fai quello che conta e se non agisci ora, qualcun altro potrà leggere questo post e beneficiarne prima di te.

Quale consiglio pensi sia il più importante e perché? Scrivi pure la tua opinione nella sezione dei commenti qui sotto!

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento