Comunicazione Imprenditoria Produttività

10 ragioni sul perché alcuni non avranno mai successo

In The greatest salesman in the world di O.G. Mandino, accadde un fatto molto importante il quale spiegava che:

Due fra un migliaio di uomini saggi definiranno il successo con le stesse parole, tuttavia il fallimento viene descritto sempre in un solo modo. Il fallimento è l’inabilità dell’uomo a raggiungere in vita i propri obiettivi, qualunque essi siano.

Mentre il successo è relativo, soggettivo, include valori monetari e non, il fallimento è più che altro una ricetta “a formato unico”.

Qui di seguito ci sono dieci cose che le persone fanno quando falliscono un obiettivo.

1. Non capiscono il valore del tempo

I falliti non danno valore al loro tempo.

Essi sono ovunque, in qualsiasi posto, in ogni momento, perché gli manca la capacità di dedicare il loro tempo ai loro obiettivi. E, anno dopo anno, fanno nuove promesse che non si realizzeranno mai, semplicemente perché non gli interessa affatto impiegare il tempo richiesto per i loro obiettivi.

L’abilità di gestire il tuo tempo, imparare a dire no e sapere quali impegni prendere è un passo verso un grande successo in qualsiasi settore della tua vita.

2. Non fanno le cose che sono in linea con i propri obiettivi

Più l’obiettivo è importante, più in alto sarà nella tua gerarchia di valori e più disciplina ed ordine collegherai ad esso.

Meno importante è l’obiettivo, più in basso sarà nella gerarchia dei tuoi valori e meno disciplina e più disordine avrai associato ad esso.

I falliti hanno frainteso il business con la produttività.

Essi sono parte del tutto ma nulla di ciò che fanno è in linea con i loro valori ed obiettivi. Scrivere su un diario quali sono i tuoi obiettivi e impiegare strategie che possano condurti lì ti aiuterà ad identificare le cose che non sono in linea con la tua destinazione.

Lettura correlata:
5 modi per trovare più tempo da dedicare allo sviluppo del tuo business

3. Non emergono mai dai loro confini

La gente sembra pensare che il successo in un settore possa compensare il fallimento in altri settori, ma lo può davvero?

Dunque, il tuo capo fa schifo e odi il tuo lavoro, ma questa non è una ragione per fare i lavativi e produrre un lavoro mediocre. Sei pagato per fare quel lavoro quindi devi farlo bene, la vita possiede questa legge universale del donarti ciò in cui tu investi.

Questa è soltanto maturità e saggezza nel conseguire l’eccellenza malgrado le circostanze.

La gente fallita è quella a cui va bene prendere cattivi voti e non prova a cercare un metodo efficace di studio che supporti la loro capacità di apprendimento, perché dopo tutto essere uno studente di riguardo ha poco a che fare con quanto intelligenti si è, ma ha molto a che vedere con quanto bene programmate e studiate, e questo ti fa sentire più intelligente e ciò produce in sé grandi risultati.

4. Possiedono limiti autoimposti

Le persone fallite tendono a dire cose come “Non sono bravo con i numeri”, “Odio davvero studiare”, e “Penso di non poter gestire un business di successo”.

Essi mettono dei limiti a se stessi e scusano il loro comportamento, ma in verità è un modo per fare il minimo e mirare abbastanza in basso per non perdere.

Togliti dalla testa di avere solo un set specifico di abilità e talenti per compiti specifici, smetti di pensare che non sei così intelligente come gli altri.

Ciò che la vita ti chiede è dare il meglio di te, per te stesso e per gli altri.

5. Sono bravi a trovare scuse

Queste sono le persone che troveranno delle ragioni e una logica sul perché non possono e il perché non dovrebbero.

Qualche volta confondono questa detestabile tendenza con “l’essere solo realisti”.

Mancano d’immaginazione e trovano sempre modi per giustificare perché qualcosa non dovrebbe essere, ma loro non vogliono davvero provarci.

Lettura correlata:
10 Step per affrontare le critiche

Il rimedio migliore è fermare la tua mente quando inizia a trovare scuse e riaccendere il motore che ha innescato questo processo.

6. Non hanno classe

Le persone fallite di solito tendono a non aver un IQ sociale.

Essi dicono cose del tipo “bene, almeno sono stato onesto” oppure “questo è ciò che sono, fatevene una ragione”.

Non sanno come trattare le altre persone e tendono ad essere arroganti per nessuna ragione in particolare. A nessuno piace un chiacchierone, un vanitoso, un modesto spaccone, o persone che semplicemente non sanno dire un grazie quando ricevono un complimento.

Queste caratteristiche sono indecorose e non sono ciò di cui sono fatte le azioni nobili.

Essere cortesi e gentili verso le persone che ti piacciono è facile, essere cortesi e gentili verso coloro che non tollerate o con cui siete in continuo disaccordo è ciò che rivela il carattere.

Impara come parlare alle persone perché è un talento che solo pochi sanno padroneggiare.

E’ stato detto che il miglior modo di testare il carattere di un uomo è guardare come agisce quando si trova in una fila molto lunga e riscontra un pessimo servizio, come gestisce le luci di Natale e la sua reazione quando vengono danneggiate le sue cose più costose.

7. Sono procrastinatori

La cosa divertente di questo è che essi sono solitamente dei procrastinatori autoproclamati.

Non vedono alcuna vergogna in questo. Questo si ricollega al fatto che non considerano il valore del tempo. Per loro va bene vivere una vita che sia la continuazione del passato.

Essi vivono come se avessero un’altra vita in banca, come se fosse possibile tornare indietro e resettare tutto.

Bisogna comprendere che si inizia a morire il giorno stesso in cui si nasce e avere il giudizio di capire che ogni giorno è un dono e fare qualsiasi cosa si possa fare lo dobbiamo a noi stessi, perché nulla è garantito oggi per domani.

Lettura correlata:
7 principi inattaccabili per arrivare al successo nel tuo business

8. Non prendono l’iniziativa

La semplicità di questa regola di vita spiega perché ignoriamo la grandezza dei suoi effetti.

La gente fallita tende a ponderare e lasciare impronte nella sabbia del tempo. Possono far parte di una partita importante e sognare in grande, ma mancano del coraggio di andare semplicemente avanti.

Smetti di sognare su ciò che sarà, i sogni in sé stessi non sono malvagi, ma alzati, rivelati e FAI qualcosa.

Basta con gli incontri al caffè e agite.

9. Non possono affrontare le avversità

C’era un giovane pastore, non era un guerriero ed era di statura piccola. Guardò il gigante e disse “Ti abbatterò e taglierò la tua testa” e quello fu esattamente ciò che fece.

Il problema delle sfide è che sono tanto grandi quanto noi le facciamo sembrare tali e tanto forti quanto la nostra debolezza lo consente.

I falliti non capiscono questo e rinunciano a tutto velocemente perché le cose diventano scomode, difficili. Vogliono le rose senza le spine, i bambini senza il dolore e una pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno senza passare attraverso la tempesta.

Superare le sfide non solo ci porta vicino ai nostri obiettivi ma ci trasforma in quello che non pensavamo di essere.

Non avere timore di superare le tue paure ed entrare in nuovi territori, esci dalla tua zona di comfort e sfida te stesso.

Il coraggio nasce dalle avversità

Non saprai mai quanto sei forte fino a che non avrai lottato. Qualche volta potrai fallire ma almeno fallirai dimostrando a Golia di non essere il gigante che pensava di essere.

 

10. Sono apatici

Quindi, poiché tu sei tiepido, e né caldo né freddo, ti sputerò fuori dalla mia bocca. Rivelazione 3:16

Si, ci sono quelli che naturalmente si siedono alla finestra. Non hanno mai opinioni sulle cose, non possono prendere decisioni e sono al limite dell’ignoranza.

Non possono portare avanti delle conversazioni intelligenti e non hanno larghe vedute, se non sono in stretta relazione con ciò che conoscono.

Lettura correlata:
16 modi per lavorare intelligentemente senza troppa fatica

Pensano che ognuno dovrebbe vedere la vita nel modo che essi la concepiscono!

Sono indifferenti ad ogni cosa e non si battono per niente. Non leggono, non educano sè stessi al di là dell’educazione convenzionale e non mettono attenzione al modo in cui si presentano.

Anche se non raggiungono mai le loro più elevate potenzialità, questo va bene per loro, perché in un mondo così pieno di meraviglie e curiosità hanno trovato il modo di annoiarsi.

L’apatia è un killer silenzioso

Trova qualcosa di cui essere appassionato, anche se non sei pagato per farlo. Metti a frutto i tuoi doni.

Sono abbastanza semplici, in molte occasioni ad un secondo sguardo non sono poi così eccezionali, semplicemente sono riuscite ad arrivare dove sono e sono lì perché hanno padroneggiato l’arte della disciplina, l’arte di essere la persona giusta al momento giusto.

Forse ci sono molte cose che vorrai fare e qualche volta ti sentirai sopraffatto, perché non c’è abbastanza tempo.

Metti giù il telefono, qualche volta scollegati e smettila di farti gli affari degli altri.

Ti meraviglierai del potenziale che libererai! 😉

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento

1 commento

  • Grazie Stefan di questo ottimo articolo!

    Ragioni valide.

    Aggiungo che molte persone non conoscone se stessi, non sanno cosa vogliono dalla vita per questo non riescono a muoversi nella direzione giusta.