SEO

Come evitare di pagare una penalità su Google Search

Una mattina un blogger affermato controlla lo stato delle visite e realizza che il traffico del suo blog è andato perso. Quasi non ci sono visitatori sul sito oggi, ma ieri era tutto a posto, dice a se stesso.

Pensa che sia solo un giorno un po’ morto, magari sono andati tutti in spiaggia visto che ieri era una giornata così bella.

Così aspetta per un altro giorno o due prima di avere la conferma della sua peggior paura : Google ha punito il suo blog e ora ha quasi tutto il traffico sparito, ancora peggio, non ha quasi alcun guadagno.

Ora non è sicuro di cosa fare. Ha passato mesi a creare traffico e a scrivere blog post, ma un sacco di tempo l’ha speso inseguendo blacklink.

Non si è preoccupato di capire da dove venissero tali link, ne voleva solo di più.

Cosa dovrebbe fare ora?

La prima cosa da fare è capire che tipo di penalità gli è stata applicata.

Si ricorda che si era iscritto a Google Webmaster Tools tempo addietro, magari può trovare la spiegazione lì.

Alla fine trova quello che stava cercando sotto la voce:
“azioni manuali”nella barra laterale degli strumenti webmaster sotto “Search Traffic”.

Quando c'è un problema...

Quando c’è un problema…

google webmaster tools penalty

Come dovrebbe essere…

 

Ora sa cosa fare per avere indietro il rank che manteneva nei motori di ricerca.

Ora ha alcune soluzioni al suo incubo, ma potrebbe richiedere tempo, un grande sforzo e pazienza.

Si chiede con tutto il cuore perchè non è riuscito ad evitare la penalty fin dall’inizio.

E’ importante ricordare che Google vuole rendere il web un posto migliore, e nel farlo ci guadagna parecchi soldi.

Milioni di persone credono ai risultati di ricerca che Google fornisce, ma se ti ritrovassi ad essere derubato da un losco sito internet al top dei motori di ricerca, sono sicuro che non saresti tanto felice.

E’ compito di Google evitare che questo avvenga.

Molti blogger e webmaster hanno una relazione di amore odio con Google, ma dovresti sempre seguire le «Guide Linea di Google Webmaster» se vuoi avere traffico costante tramite il colosso dei motori di ricerca.

Lettura correlata:
7 modi per integrare al meglio la tua SEO attraverso i canali di marketing

Le politiche e gli algoritrmi di Google sono in continua evoluzione, quindi devi sempre stare allerta.

Come evitare una Google Penalty

google-penalty

1. Non comprare e non scambiare backlink

All’inizio era un metodo testato per essere al top, ora ti porterà solo una penalty.

2. Scrivi dei post e degli articoli per coinvolgere, informare, risolvere problemi e intrattenere.

Non scrivere solo per piazzarti in alto sui motori di ricerca.

Se scrivi ottimi articoli, i link arriveranno naturalmente, ma scrivere contenuti smilzi e aspettarsi che la gente linki al tuo sito non funziona.

3. Non mettere link a siti o articoli spam

Beh dai qui non credo ci sia molto da aggiungere.

4. Fai attenzione ai guest post

Quest’anno Google ha dichiarato guerra al guest posting per i link che passano PageRank.

Molti guest post hanno contenuti scarsi ma sono pieni di link al sito dell’autore. Se permetti al tuo sito di avere guest post, stai molto attento ai link in uscita che consenti, non è difficile riconoscerli.

Non permettere alcun link a blog o a siti internet per cui tu non garantiresti.

 

5. Non copiare o rubare contenuti di altra gente.

A parte il fatto che non è certo un’azione etica anzi, è anche un’azione criminale, ma non vedrai alcun beneficio a lungo termine dal rubare contenuti.

 

6. Non forzare le parole chiave e non nasconderle nemmeno nei tuoi testi.

Inserire a forza parole chiave o nasconderle era una tecnica che poteva funzionare nei periodi bui (10 anni fa?). Ora verrai immediatamente redarguito, cartellino rosso seduta stante.

Segui questi consigli e il tuo blog o il tuo sito saranno sulla strada giusta. Focalizzati sul fornire post di qualità, soluzioni o prodotti e punta ad un successo a lungo termine.

Costruire un blog o un sito di successo non avviene in una notte quindi assicurati di seguire le guide linea di Google.

Dovresti anche iscriverti a Google Webmaster Tools, dove troverai molti consigli utili su come migliorare l’indicizzazione sui motori di ricerca.

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento

1 commento