Comunicazione Imprenditoria

Come diventare un fantastico oratore: 9 consigli per una performance a prova di bomba

Parlare in pubblico potrebbe risultare qualcosa di preoccupante e al tempo stesso difficoltoso così come potrebbe essere difficile preparare un’ottima presentazione; sebbene la scelta delle slide non sia affatto male, ricorda che alla fine tutto tornerà su di te, sullo speaker e sul modo con cui riesci a diffondere il messaggio alla tua audience.

In questo articolo andremo a scoprire 9 validi consigli che ti aiuteranno ad ideare una performance a prova di bomba sulla tua prossima presentazione.

1) Emozionati e mostra alla tua audience che tieni al tuo argomento

Se vuoi che gli altri tengano a ciò che hai da dire, dovrai essere tu il primo a farlo.

La tua presentazione dovrà essere un’infinita fonte di ispirazione e le tue parole dovranno avere talmente tanto peso che la tua audience dovrà sentire tutta la tua energia e la tua passione per l’argomento.

Inoltre, se stai parlando nel corso di un evento, dovrai tener conto anche dell’obbligo che hai verso la tua audience che sta spendendo tempo e denaro per ascoltarti: ricorda che le persone non partecipano agli eventi per leggere delle slide, ma per imparare qualcosa ed essere ispirati.  Quindi non c’è cosa peggiore di assistere ad una presentazione in cui dai l’impressione di aver scaricato le slide da internet perché non avevi voglia di scriverle di tuo pugno.

cuore

Guarda questo video della presentazione di uno dei miei speaker preferiti che riesce a trasmettere la sua passione per l’argomento che sta trattando, al punto di far pendere dalle sue labbra ogni persona che lo sta ascoltando.

 

2) Fornisci alla tua audience degli esempi concreti e una morale da seguire

Ripeterlo non fa mai male: le persone partecipano ad un evento spendendo tempo e denaro per ascoltarti, per cui è scontato che vogliano qualcosa in cambio da questa esperienza. Più esempi concreti e morali riesci a fornire alla tua audience, più essa sarà felice di ascoltare la tua presentazione e assistere alla tua performance.

Agli inizi della mia carriera ho imparato che i casi di studio con esempi di “prima/dopo” tratti da storie vere, riescono davvero a fornire alla tua audience un’esperienza tale da poter dire “Ok, ho capito perfettamente cosa volevi dire”.

Lettura correlata:
4 difficili domande da porsi quando si vuole lanciare un brand

È per questo motivo che io ora utilizzo tonnellate di casi di studio nelle mie presentazioni: infatti molto spesso riesco a spiegare ogni punto di cui voglio parlare con un concreto esempio di come avviene nella realtà.

Inoltre, cerco sempre di dare alla mia audience più idee e morali possibili, così che possano andarsene convinti di aver imparato qualcosa, quel qualcosa che possono subito mettere in pratica nel loro business.

Per avere un esempio di ciò che sto dicendo, guarda pure il video qui sotto:

3) Dimenticati dei “manoscritti”

Nella mia esperienza personale ho imparato che leggere ad alta voce fogli e fogli di discorso preparati nei giorni precedenti è uno dei più grandi errori che si possano fare quando si parla in pubblico, in quanto non solo uccide la presenza della tua audience, ma rende pressoché impossibile stabilire una connessione con loro.

Dal punto di vista del pubblico, vedere qualcuno che legge un’intera presentazione senza neanche dare l’impressione di aver imparato qualche parola è totalmente straziante.

Quindi, liberarti dai “manoscritti” e focalizzati sull’interazione con la tua audience, muoviti sul palco, non rimanere fermo davanti a un microfono, gesticola, fai delle espressioni e guarda negli occhi i tuoi ascoltatori, scendi dal palco per avere un contatto con loro e renderli concretamente partecipi della tua presentazione.

In altre parole, puoi dare alla tua audience una performance a prova di bomba, al posto di una noiosa e interminabile lettura. Non c’è niente di male nel prepararsi e scriversi qualche appunto per costruire la struttura della tua presentazione, ma non cadere nell’errore di fare di quei fogli il tuo intero discorso.

4) Inizia con una storia

È una sorta di cliché iniziare con una storia, ma ho effettivamente notato che è un ottimo metodo per conquistare la scena e avere l’attenzione del pubblico.

Con “una storia” non intendo la storia della tua società o una tediosa narrazione sul perché i tuoi argomenti siano importanti. Una buona storia di apertura potrebbe anche semplicemente essere un aneddoto che ti aiuterà a incorniciare il punto focale del tuo discorso al fine di costruire un rapporto con la tua audience.

Lettura correlata:
8 lenti e faticosi step per diventare un milionario

Una storia è davvero efficace per rompere il ghiaccio e per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Far ridere l’audience
  • Catturare subito la loro attenzione
  • Costruire un rapporto con cui superare il divario fra me e i partecipanti tedeschi

Come in questo esempio:

5) Fai ridere la tua audience, ma non fare il cabarettista

È sempre bello ascoltare una persona che riesce a farti ridere, mentre una che cerca di farlo e fallisce miseramente può essere tutto tranne che bello.

A meno che tu non stia conducendo uno show comico, ti avviso già da ora che sarebbe meglio ridurre le battute nella tua presentazione in quanto, dato che la comicità è sempre personale, se le tue battute non centrano il bersaglio, la tua audience invece di ridere morirà di vergogna. Non c’è niente di peggio che assistere a un terribile silenzio dopo una battuta non capita, soprattutto quando è ovvio che lo speaker si aspettava una reazione totalmente diversa.

È per questo che ti consiglio di andarci piano e dire soltanto un paio di battute o aneddoti divertenti rilevanti alla tua presentazione che però la tua audience possa capire per poi avere la reazione desiderata. Se invece hai l’opportunità di presentare lo stesso materiale svariate volte, potrai individuare quelle battute più efficaci che funzionano maggiormente per la tua audience e ottenere di conseguenza il successo.

Fare delle battute inerenti ad episodi della tua vita sono un metodo più sicuro per far ridere le persone: nelle mie presentazioni, infatti, preferisco mostrare casi di studio per i quali le mie ipotesi sono totalmente sbagliate. In questo modo mi prendo gioco di me stesso come un marketer che le aziende non vedono l’ora di assumere per vendere meno, creando cosi comicità.

Ad ogni modo dovrai essere pronto all’evenienza di reagire immediatamente e in modo elegante qualora le tue battute non vengano capite, continuando a parlare senza mostrare alla tua audience la tua sorpresa per il fatto che non hanno neanche sorriso.

6) Riconosci di essere nervoso e usalo a tuo vantaggio

Salire su un palco e parlare di fronte a un pubblico di 200 persone (o anche 10) è qualcosa di davvero intimidatorio per la maggior parte di noi; essere nervoso prima di una presentazione è assolutamente normale e non vuol dire che tu non abbia la stoffa per farlo, significa semplicemente che sei umano e che tieni alla tua presentazione.

Lettura correlata:
Stai pensando di scrivere un libro? 5 cose che devi sapere

publicspeaking

Anzi, mi azzardo anche a dire che se non sei nervoso prima di salire sul palco non tieni abbastanza a ciò che stai facendo, quindi sarà giunto il momento di fermarsi.

Il trucchetto da utilizzare in questi casi è quello di usare il tuo stato d’animo in modo costruttivo invece di farsi prendere dal panico.

Inizialmente io comincio a sentire l’adrenalina un’ora prima di parlare, quindi quando me ne accorgo cerco di trovare un posto tranquillo dove rilassarmi senza che le persone mi vedano e pensino che stia mandando tutto all’aria: invece di combattere l’adrenalina, la utilizzo per calarmi in uno stato di prontezza, preparazione ed entusiasmo.

Solitamente non ripasso la mia presentazione dall’inizio alla fine perché non voglio irrigidirmi se non dovessi ricordare qualcosa; preferisco adattare le mie energie alle reazioni della mai audience. Ad ogni modo, mi prendo 5-10 minuti per fare pratica e assicurarmi di fare un grandioso inizio, così una volta fatta l’introduzione e scorse le prime slide, mi calmo e riesco a prendere più confidenza col palco.

7) Non perdere tempo con una lunga introduzione creata per aumentare la tua credibilità

“Mostralo, non dirlo”: se sei abbastanza in gamba in ciò che fai, il tuo materiale mostrerà da solo la tua credibilità, mentre se la tua presentazione farà schifo, non importa che tu rappresenti la compagnia più influente e grande al mondo, la tua audience non ti prenderà come una persona affidabile.

Anni fa, quando ancora non avevo molta esperienza, spesi tante energie (e slide) per introdurre me stesso e costruire la mia credibilità. Oggi, invece, è difficile che parli di me stesso e del mio background perché non è rilevante: il mio lavoro parla per me e mostrare i miei traguardi ha decisamente un impatto maggiore rispetto al raccontarli.

8) Non proporre nessuna vendita dal palco

Anche se ti sembrerà una stupidaggine, vale la pena ribadirlo, dato che continuo a vedere molti speaker che cadono in questo fatale errore, quindi, a meno che il caso non lo richieda, non farlo.

Concentrati nel fornire una grandiosa presentazione e una formidabile performance per poi lasciare decidere alla tua audience se volerne sapere di più sui tuoi servizi: il fatto è che le persone partecipano agli eventi e alle conferenze per imparare ed essere ispirati, non per stare seduti e ascoltare promozioni per ore.

Lettura correlata:
6 cose che familiari ed amici dovrebbero capire di un Internet Marketer

In base alla mia esperienza, posso dirti che è come una sorta di karma: più dai gratuitamente, più riceverai qualcosa in cambio. Infatti io ho raccolto lead dalla maggior parte delle presentazioni che ho fatto senza la necessità di promuovere qualcosa.

9) Trova ciò che funziona per te: non seguire le “regole” degli altri

Ci sono tantissime persone che possono darti valanghe di consigli su come fare una presentazione: prendi tutto ciò che ti sembra utile, ma non lasciare in nessun modo che gli altri impongano le proprie regole per formare il tuo stile.

Alla scuola di business, sono stato indottrinato con le regole “comunemente accettate come le migliori pratiche” per svolgere una presentazione e la cosa migliore che abbia potuto fare è stato di disimpararle tutte.

La verità è che hai bisogno di trovare ciò che funziona per te, per la tua persona e il miglior modo per farlo è solo attraverso l’esperienza: più tempo passi sul palco a parlare di fronte ad audience reali, più diventerai sicuro di te e con più facilità riuscirai a sviluppare il tuo stile personale.

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento