Imprenditoria

Come diventare nomade digitale e dare sfogo alla tua voglia di viaggiare

Se hai aperto questo articolo allora probabilmente ti affascina sapere come diventare nomade digitale, e forse ti stai chiedendo se sia possibile o realizzabile.

In fondo, quante persone che conosci svolgono questo lavoro? 

In realtà, diventare un nomade digitale è molto meno complicato di quanto pensi, e in questo articolo ti darò alcuni consigli su come iniziare.

A chi è rivolto questo articolo

Se anche tu, come me, sei una persona a cui l’idea di passare tutta la vita in un ufficio sta stretta, allora questo è l’articolo giusto per te.

Se desideri trascorrere la tua vita lavorando e avendo al contempo l’opportunità di viaggiare, sappi che non sei un folle.

(E non saresti nemmeno il primo.)

Chi decide di intraprendere questo stile di vita può essere definito un nomade digitale.

Lo stretto necessario di cui necessita per lavorare sono: un computer portatile, la connessione ad internet e alcune specifiche capacità.

Sono molte le persone che, in Italia riescono a mantenere questo stile di vita e a lavorare viaggiando.

Il sito Nomadi Digitali riporta i dati relativi ai lavoratori da remoto del 2019, il 44% viaggia mentre lavora per un periodo di tempo che varia da una settimana ad un mese durante l’anno.

Il 25% degli intervistati, invece, sfrutta questo mix di viaggio/lavoro per periodi di tempo superiori ad un mese all’anno.

Requisiti minimi consigliati

Come diventare nomade digitale è una domanda che in molti si pongono. 

Ma quali sono i requisiti minimi necessari per iniziare?

Come si può intuire, non si può pensare che dall’oggi al domani una persona possa mollare il proprio lavoro e iniziare immediatamente questa carriera.

È consigliabile quindi per partire col piede giusto, informarsi e approfondire quelli che si potrebbero definire “requisiti minimi”.

  • Saper parlare Inglese

Il mio primo consiglio è quello di prendersi un pò di tempo per approfondire la conoscenza dell’inglese.

Ottenere la padronanza di questa lingua è necessaria per sentirsi a proprio agio mentre si viaggia.

Ed è fondamentale poterla sfruttare nell’ambito lavorativo, considerando che il mercato in lingua inglese è molto più ricco di opportunità.

  • Avere una mentalità aperta
Lettura correlata:
I 20 libri MUST per i giovani imprenditori

Secondo consiglio è quello di avere una mentalità aperta dal punto di vista lavorativo e personale.

Ricorda, l’idea del lavoro ordinario con orari prestabiliti e limiti imposti da altri, per chi lavora da remoto non esiste.

Nell’ambito lavorativo, soprattutto in questo caso, è utile e ti aiuterà a crescere più in fretta.

Come è semplicemente intuibile, infatti, molti dei lavori che si possono svolgere come nomade digitale sono relativamente nuovi 

Quali sono quindi i lavori che si possono svolgere per mantenere questo stile di vita?

Esempi di professioni che puoi svolgere girando il mondo (senza necessariamente essere un programmatore)

Molte tra le professioni fra cui scegliere se stai cercando come diventare nomade digitale, sono nuove e potresti non averne ancora sentito parlare.

Vediamo insieme 5 professioni “digitali” che puoi intraprendere da remoto:

  • Copywriter

Un Copywriter non è solamente colui che scrive tutto ciò che si trova all’interno di un sito web, ma si occupa di scrittura a 360°.

Ciò comprende quindi, oltre alla scrittura di articoli sui siti web anche la scrittura di annunci pubblicitari, testi di vendita cartacei ecc.

Quindi, come diventare nomade digitale lavorando come copywriter?

Il primo passo che andrebbe fatto è quello di iniziare a studiare e informarsi il più possibile.

Potresti iniziare, per esempio, leggendo libri sull’argomento o seguendo video corsi online appositi.

  • Social Media Manager

Anche le aziende, si sono accorte dell’importanza dei social media e di quanto pubblico possano ottenere tramite essi.

È proprio per questo che la figura del Social Media Manager è sempre più richiesta.

Si tratta di una figura professionale che si occupa di gestire e organizzare le pagine social di un cliente.

Tra le varie piattaforme utilizzate possiamo trovare i famosissimi Facebook, Instagram, Twitter, Youtube e tanti altri.

  • Content Marketer

Il Content Marketer è colui che, all’interno di un’azienda, crea svariate tipologie di contenuti necessari per il sito web.

Nella maggior parte dei casi sono di tipo descrittivo, inerenti al prodotto/ servizio che l’azienda offre e che vuol far conoscere al proprio pubblico.

Se sei una persona creativa e che non ha problemi a registrare video o scrivere descrizioni di prodotti, e cerca come diventare nomade digitale mettendosi in gioco allora potrebbe essere la scelta giusta per te!

Lettura correlata:
20 modi per migliorare la salute di un imprenditore

Come sempre, seguire buoni corsi online sull’argomento sarà un ottimo trampolino di lancio per iniziare questa carriera. 

  • Assistente virtuale

È la figura professionale che assiste determinate aziende o clienti nello svolgimento di compiti specifici che loro non hanno il tempo di svolgere o che semplicemente non sanno eseguire.

Tra questo elenco di attività possiamo trovare il creare newsletter personalizzate, gestire appuntamenti e il calendario, aggiornare il sito web, rispondere a messaggi sui social media o gestire le caselle email, aiutare un cliente ad utilizzare programmi come Excel ecc ecc.

Pensa a quante attività come queste sopra elencate si potrebbero svolgere, anche più di una per volta. 

Maggiori saranno le tue conoscenze e le tue competenze, maggiori saranno le opportunità che potresti sfruttare.

  • Imprenditore online 

Molte persone che cercano come diventare nomade digitale, spesso prendono anche in considerazione l’opzione di buttarsi nel ruolo di imprenditore digitale.

Un imprenditore online è la persona fisica che gestisce un’azienda nell’ambito digitale.

Avviare un proprio business online ai giorni nostri, non è più un’impresa colossale grazie soprattutto ai bassi costi necessari all’avviamento.

Infatti, avendo padronanza dei test che si possono svolgere prima di investire i propri soldi in un progetto ti darà la sicurezza che serve per iniziare con il piede giusto.

Questo per esempio, è uno dei tanti argomenti che viene trattato e approfondito nel corso di DiventaUnMarketer Campus, al quale puoi accedere Cliccando Qui.

I lati positivi e negativi che questo stile di vita comporta

Come tutti i lavori, presenta lati positivi e negativi.

Qui sotto ho scritto quelli che, a mio parere, sono i più rilevanti da analizzare.

  • Positivi

Il primo colosso di questa categoria è la libertà e tutti i vantaggi che essa porta.

Chi vuole sapere come diventare nomade digitale, vuole avere la libertà di viaggiare ovunque voglia e senza dover chiedere permessi o ferie ai propri capi.

Un altro punto a favore è quello riguardante le prospettive di guadagno.

Infatti, per un nomade digitale, è possibile avere più attività lavorative contemporaneamente che gli garantiscono molteplici entrate. 

Inoltre, più fonti di guadagno indicano una maggiore stabilità economica e maggior sicurezza anche nel caso in cui una di esse dovesse andare male.

Lettura correlata:
12 modi per ottenere l’attenzione di un mentore

Con questo è strettamente legata anche la libertà di gestire il proprio lavoro, i propri orari come più si preferisce.

Per ultimo, ma non meno importante, per una persona non ordinaria, creativa e con una gran voglia di viaggiare; il vivere una vita al di fuori degli schemi, è un vantaggio irrinunciabile, una volta provato.

  • Negativi

Non è facile iniziare con un lavoro ordinario, magari in un ufficio, dettato da orari stabiliti e passare di colpo alla più totale libertà.

Il gradino più difficile da compiere è proprio quello di imparare a gestire il proprio lavoro e le proprie attività.

Non lo nego, ci vuole sempre un pò di tempo per imparare a stabilizzarsi economicamente e imparare a sviluppare un proprio senso di autodisciplina.

Un altro punto negativo consiste nella ricerca dei primi clienti, questa è sempre una fase complicata ma, una volta superata, i risultati si faranno vedere.

Infine, ricordati che stiamo sempre parlando di un lavoro che nella maggior parte dei casi si svolge in solitaria, e la mancanza di “contatto” con i colleghi con cui socializzare e interagire quotidianamente è da tenere in considerazione.

Risorse/ siti utili

In questa sezione potrai trovare le risorse utili che ti potranno aiutare nel percorso di come diventare nomade digitale.

Udemy per esempio, è un sito valido ed altamente professionale attraverso cui potrai ampliare le proprie competenze.

Infatti in questa piattaforma si potranno trovare centinaia di video corsi sugli argomenti più vari.

Mentre, Freelancer e Upwork sono due siti in cui potrai cercare lavoro come freelance.

È necessario inserire le proprie capacità (come copywriter, marketer, graphic designer ecc.) e candidarsi per l’impiego più giusto per te.

Se invece sei intenzionato a saperne di più su come diventare imprenditore digitale partendo da zero Scarica Qui la nostra checklist gratuita.

Al suo interno troverai quali sono tutti gli strumenti necessari per iniziare, mentre ancora stai svolgendo il tuo attuale lavoro.

L'autore del post

Valeria Chiaramonte

Studentessa universitaria in economia aziendale, amante della musica e della chitarra elettrica con una grande passione per tutto ciò che comprende il marketing digitale.

Lascia un commento