Advertising

Stai utilizzando AdWords nel modo sbagliato! 3 tattiche per abbassare il CPC ed incrementare il ROI

Google AdWords è diventato famoso negli anni passati per la sua capacità di farti raggiungere persone in cerca di quello che vendi, anche se ahimè negli anni questo pregio è diventato quasi un lusso.

So che non sei un novellino con AdWords, tuttavia ho il bisogno di dirti che ho visto tanti di quegli account con i più alti budget (dai 500 ai 1000 euro al giorno), strutturati talmente male da mettere tristezza.

Puoi ottimizzare la tua landing page come vuoi, ma se desideri ottenere un ROI più alto dalle tue campagne PPC (pay per click), dovresti anche ottimizzare  la configurazione del tuo account AdWords.

Le idee che sto per dirti, non solo aumenteranno il tuo CTR, ma anche il Quality Score, l’amministrazione, le condivisioni, le possibilità di abbassare i tuoi costi per click e migliorare i tassi di conversione.

Pronto ad essere stupito?

Ecco come sistemare tre errori in Google AdWords che “uccidono” il tuo tasso di conversione.

1. Non stai usando i gruppi di annunci per singola keyword

Uno degli ostacoli nella performance di AdWords è la scelta di avere dalle 10 alle 20 keyword per gruppo di annunci. Sono in molti a farlo anche perché rientrano in un tema comune.

Ciò che Google si è dimenticato di dire è che disporre di tutte quelle keyword per gruppo di annunci potrebbe rendere difficile la combinazione tra la ricerca e il messaggio pubblicitario.

Questo abbinamento avviene nel momento in cui il termine che si inserisce per la ricerca combacia con la pubblicità, cosa fondamentale perché vorrà dire che Google l’avrà messa in evidenza (usando il grassetto).

adwords

Basta solo una frazione di secondo per decidere su quale pubblicità cliccare e grazie a Google la tua diventerà quella più rilevante.

Se invece disponi di tutte quelle keyword per un unico gruppo di annunci, i tuoi abbinamenti non saranno mai esatti al 100%.

Disporre di troppe keyword per gruppo di annunci rende impossibile la combinazione tra la keyword scelta e il messaggio che verrà visualizzato.

Quindi, in che modo andrai a perfezionare i tuoi abbinamenti?

La risposta è con la singola keyword per ogni gruppo di annunci, che ti permettono di controllare l’abbinamento tra la keyword e testo dell’annuncio, ovvero, sarà una sola keyword a mostrare l’annuncio corrispondente.

Lettura correlata:
4 strategie per incrementare le vendite e-commerce con i Facebook Ads

Quando ne hai soltanto una, dovresti fare in modo che l’annuncio corrispondente sia estremamente specifico per quella keyword. Questo vuol dire che per “Auricolari Bluetooth per sommozzatori” dovremmo avere una cosa del genere:

 

Auricolari Bluetooth per sommozzatori

brand.com/bluetooth-sommozzatori

Trasforma le bolle in parole.
Ideale in caso di incendi. Scoprilo ora.

 

La ragione per cui questo spot è migliore degli altri è che ha la stessa keyword nell’annuncio: abbinamento perfetto.

Maggiore rilevanza = maggiori click = maggiore Quality Score = minor costo per click = minor costo per conversione

Ti consiglio di avere almeno due annunci completamente differenti per ogni gruppo di annunci in modo che tu possa testare quale funziona meglio, e puoi utilizzare questo schema:

Titolo: includi la keyword nel titolo
Descrizione riga 1: parla di un vantaggio e di una caratteristica.
Descrizione riga 2: parla di un vantaggio. Call to action!

Mostra l’URL: dominio.com/keyword

Quando questo sistema sarà implementato avrai una campagna strutturata in questo modo:

struttura-adwords-gruppo-annunci-singola-kewyword
E quando dovrai inserire la keyword con i relativi abbinamenti cerca di sistemarle in questo modo per ogni gruppo di annunci:

Keyword:
+Auricolari+Bluetooth+Sommozzatori
[Auricolari Bluetooth Sommozzatori] “AuricolariBluetoothSommozzatori”

Ecco un esempio di cosa accade al tasso dei click quando ti servi sempre di una sola keyword per gruppo di annuncio:

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Esso inizierà a crescere lentamente dal momento in cui la pertinenza tra keyword e annuncio aumenta per poi stabilizzarsi.

L’uso di svariate keyword nel gruppo di annunci non favorisce né pertinenza né performance, facendo così scenderà il tasso di click (CTR) e il Quality Score (e aggiungerne sempre di più peggiorerà le cose).

2. Non ti stai focalizzando sulle keyword negative a livello dei gruppo di annunci

Per i PPC non c’è niente di peggio di non sapere ciò che non sai.

Nel tuo account di AdWords puoi avere diversi tipi di keyword: lunghe (long tail) o corte. Ciò che potresti non sapere è che la keyword più breve potrebbe rubarti le impression dalle altre più lunghe e specifiche.

Di solito, succede perché AdWords non riesce a correlare il termine di ricerca con le keyword più lunghe a causa dei tuoi abbinamenti. Ed è un problema.

Lettura correlata:
YouTube Ads: quello che devi sapere

Per evitarlo, dobbiamo guardare più da vicino i riferimenti dei termini di ricerca e assicurarci che ognuno di essi corrisponda esattamente alla stessa keyword.

adwords-corrispondenza esatta

 

Usa keyword negative a livello di gruppo di annunci

Per farlo, dovrai iniziare ad aggiungere keyword negative a livello di gruppo di annunci (e non a livello di campagna o account) soprattutto quando trovi una discrepanza tra keyword e termine di ricerca. Questo farà in modo che keyword corte non rubino impressions a quelle più lunghe.

Quando analizzi i report e trovi keyword che non hanno a che fare con quello che stai proponendo, inseriscile in negativo a livello del gruppo di annunci e crearne uno nuovo.

Assicurati che vengano innescati i giusti annunci

Per assicurarti che le tue keyword inneschino gli annunci corretti, dovresti eseguire frequentemente la diagnosi della keyword. Per farlo, devi andare sulla pagina delle keyword attraverso tuo account di AdWords e cliccare su “dettagli” e poi su “diagnostica parole chiave”.

diagnostica-parola-chiave x

A volte vedrai come le keyword negative, le offerte troppo basse o le competizioni interne tra gli annunci impediscano a determinate keyword di attivare gli annunci corrispondenti. Indipendentemente dalla fonte del problema, hai le informazioni di cui hai bisogno per ottimizzare gli annunci e renderli iper-rilevanti.

Così, di volta in volta, il tuo Quality Score, i click e la media delle posizioni dei tuoi annunci Adwords si innalzeranno grazie al miglioramento della pertinenza.

3. Non stai usando la Dynamic keyword insertion

È ora giunto il momento di raccogliere traffico sulle tue landing page. Ricordi il giorno in cui hai creato una landing page per ogni singola keyword? No? Io sì…

Fortunatamente, non avrai bisogno di farlo.

Con la Dynamic keyword insertion (DKI) puoi inserire qualsiasi testo nella landing page e cambiarlo con i parametri più specifici presenti nell’URL.

Non voglio fare confusione, di solito si utilizza questo strumento direttamente in Adwords per piazzare diverse keyword senza creare troppi annunci, come puoi vedere nell’immagine qui sotto:

dki

Quello che intendo invece è piazzare la keyword cercata direttamente nella landing page.

Lettura correlata:
5 tattiche per raccogliere lead su LinkedIn: provare per credere

Questo ti permette di creare una landing page per un prodotto/servizio e poi cambiarne la headline, la call to action (o qualsiasi altro elemento) per essere estremamente correlata in ogni ricerca dei visitatori.

Al momento Unbounce offre una soluzione unica sul mercato per fare proprio questo lavoro e lo ha chiamato Dynamic Text Replacement. Vedrò di far fare un plugin dal mio programmatore se un po’ di persone “alzeranno la mano” nei commenti 🙂 .

Il tutto avrà anche un impatto positivo sul Quality Score della tua landing page nel momento in cui Google si accorgerà che la tua pagina è molto pertinente alle keyword che hai scelto.

Più è alta la pertinenza, più incrementerai le conversioni

Queste tre tattiche renderanno i tuoi annunci più importanti agli occhi degli utenti e incrementerà le tue conversioni. È una doppia vittoria!

Ottimizzare le tue campagne Adwords con queste 3 tattiche significa fare un lavoro non di certo così sbrigativo, ma che avrà un grande impatto nella performance degli annunci, e dedicarci del tempo, non solo ti farà risparmiare soldi, ma anche di produrre i risultati che hai sempre voluto ottenere, senza andare troppo nel complicato.

Pensi che tutto questo ti aiuterà con le performance del tuo PPC? Perché? Lascia un commento qui sotto!

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento