Produttività

50 consigli rapidi e produttivi per gli imprenditori alle prime armi

Qui di seguito troverai una raccolta di consigli in linea generale dedicati agli imprenditori alle prime armi e, sebbene nulla sia universale, sono comunque utili per qualsiasi start-up.

Produttività

  1. Crea un elenco delle priorità e fai solo ciò che conta: evita lavori impegnativi e non cercare di mettere un piede in dieci scarpe. Impara a dire di no alle cose che non fanno la differenza.
  2. Quando tutto è importante, nulla lo è, pertanto basati su un discorso di priorità e lavora in base a esso, dai sempre le priorità giuste a tutto.
  3. Rifiutati di accettare obiettivi generici: imposta prima una certa chiarezza, poi mettiti a lavoro.
  4. Non aggiungere mai nuovi compiti in cima alla lista, ma sempre alla fine e porta prima a termine ciò che stavi facendo.
  5. Crea e gestisci il tuo calendario, utilizzando diversi blocchi per differenziare i vari tipi di chiamate e di meeting per sottolineare quando dovrai lavorare sodo e quando dovrai gestire le email, per il tempo da dedicare alla famiglia e agli allenamenti.
  6. Se qualcosa non è sul tuo calendario, non farla: dovrai sempre attenerti al tuo calendario e alla lista contenuta in esso.
  7. Individua quanto tempo passi sulle diverse attività, poi trova la giusta combinazione che fa al caso tuo e che ti faccia investire – e non perdere – il tuo tempo.
  8. In giro trovi molti post riguardanti i consigli sull’organizzazione del calendario, sulla gestione delle email e su come dare priorità a determinati prodotti.
  9. La domenica, analizza la settimana entrante, così da essere preparato, in anticipo, sul da farsi.
  10. Evita i canali di comunicazione sincronizzata.
  11. Non utilizzare le chat per i clienti o i messaggi di testo: sono i killer più grandi della produttività, in quanto ostacolano il tuo flusso lavorativo; piuttosto abbi rispetto del tuo tempo e di quello del tuo team.
  12. Dai un taglio ai meeting improvvisati col tuo team: va bene riunire le persone in una conferenza per fare il punto della situazione, basta che non siano riunioni lunghe e inefficaci.
  13. Imposta un tempo e un limite per tutte le riunioni col tuo team, in genere un’ora è il massimo, trenta minuti sono anche meglio, sebbene siano abbastanza per una sessione di brainstorming, quindi, anche qui, suddividi la riunione in più parti.
  14. Abbi rispetto della produttività degli altri team e non aggiungere ulteriori compiti in cima alla loro lista, cosa che a volte succede ai CEO che tendono a chiedere di portare a termine dei rapidi compiti per loro: una sequenza di piccole mansioni è frenetica e distruttiva per il tuo team, soprattutto per i tecnici.
  15. Abbi cura di te e fai delle piccole pause durante il giorno: prenditi del tempo per rinvigorire le tue forze.
  16. E’ altamente raccomandato un esercizio regolare, quindi imposta dei blocchi relativi agli allenamenti nel tuo calendario, altrimenti te ne dimenticherai.
  17. Assicurati di dormire a sufficienza (meno del solito, ma abbastanza) e tieniti alla larga dai segni di stanchezza.
Lettura correlata:
7 Lezioni di Vita da Albert Einstein

Email

  1. E’ una bestia che dovrai addomesticare o sarà lei ad addomesticare te.
  2. Non aggiornare la pagina, non tenerla sempre aperta e non cercare nuovi messaggi: ucciderà la tua produttività. Piuttosto stabilisci delle ore precise in cui scriverai i diversi tipi di email.
  3. Impara a gestire i CC, non inserirci dei destinatari senza senso e a tua volta chiedi di non essere inserito in CC quando non ne hai bisogno. E’ ciò che solitamente accade a quei CEO che vogliono sempre prendere parte a tutto, diventando soffocanti.
  4. Impara a gestire i CCN e rimuovi chi non ha bisogno di seguire la conversazione (come chi ti ha solo citato) e insegna agli altri di rimuovere anche te: lo stesso per i “rispondi a tutti”. Utilizza in maniera saggia la tua firma nell’email, inserendo informazioni rilevanti ed evitando loghi e immagini che sono pensanti e vengono filtrati.
  5. Impara l’arte delle email brevi: due/tre frasi o paragrafi al massimo e vedi come appare su uno smartphone: se dovrai scrollare troppo la pagina, vuol dire che è troppo lunga. Utilizza il minor numero di parole possibili e ricontrollale prima di inviarle.
  6. Sii ponderato, non fare copia e incolla: è meglio inviare poche email ponderate piuttosto che tanti messaggi triti e ritriti.

Chiedere presentazioni

  1. Evita le email a freddo se possibile, anzi, utilizza un network per presentarti.
  2. Due ottimi strumenti per introdursi sono goconspire.com e LinkedIn.
  3. Connettiti con altre persone, costruisci continuamente ed espandi il tuo network su LinkedIn.
  4. Impara a leggere i profili su LinkedIn e distingui quelli per le assunzioni, per il business development (biz dev) e il venture capital: è importante passare del tempo sui profili degli utenti per capire i loro background.
  5. Cerca sempre persone rilevanti e non chiedere mai presentazioni aperte.
  6. Impara a capire su cosa gli altri sono interessati a investire guardando il loro portafoglio.
  7. Per le presentazioni inerenti al biz dev assicurati che la persona in questione abbia una certa rilevanza: cerca dei profili che siano in linea con quanto detto e controlla le relazioni che queste persone hanno su LinkedIn.
  8. I vice presidenti rappresentano delle figure piuttosto magiche in molte aziende, in quanto o prendono decisioni o ti spediscono direttamente dal direttore o dal manager in questione; focalizzati quindi sull’ottenere presentazioni sul venture capital per gli affari di biz dev.
  9. Crea email “inoltrabili”, ad esempio, a qualcuno che voglia introdurti, invia un’email breve ma chiara indirizzata al target, così che lui possa inoltrarla e aggiungere del proprio: in questo modo faciliterai il processo della presentazione.
  10. Dovrai avere una preferenza per le intro nelle email, ma anche quelle di LinkedIn andranno bene.
Lettura correlata:
I soldi possono veramente comprare la felicità?

Organizzare i meeting

  1. Sii efficiente nell’organizzare i meeting attraverso la creazione di una predefinita fascia oraria per i diversi tipi di riunioni presenti nel tuo calendario.
  2. Ad esempio, “LUN-MER-VEN 9-10, 15 min intro call; LUN-MER-VEN 14-16 30 min meeting mentore, ecc.”
  3. Proponi sempre da tre a quattro orari specifici per una riunione, in base al tipo e inseriscila in una fascia appropriata.
  4. Se la persona con cui cerchi di metterti in contatto è troppo occupata, sii flessibile, suddividi il meeting in più parti e adattale.
  5. Minimizza il numero delle email per organizzare un meeting e, se la persona è d’accordo nel fare la riunione, proponi da subito diversi orari: non chiedere all’altro di suggerirti gli orari.
  6. Indicazioni generali sulla durata dei meeting: a) intro call: 15 minuti, alle persone piacerà che invii loro degli inviti per 15 minuti, orario che rispetterai. b) intro meeting: 30 minuti, un’ora è troppo, quindi cerca di rientrare nei 30 minuti per le riunioni di persona, a meno che non sia l’altro a chiederti più tempo.

Se non sei sicuro, chiedi ai tuoi interlocutori se hanno bisogno di più di 30 minuti, soprattutto nelle riunioni di business e in quelle con gli investitori; l’unica eccezione sarà per coloro che vengono a vederti e che si aspettano più tempo perché hanno viaggiato per ascoltarti.

Durante il meeting

  1. Non arrivare in ritardo, è scortese, piuttosto arriva qualche minuto in anticipo.
  2. Non prendere più tempo del dovuto per la durata del meeting.
  3. Evita chiacchiere superflue e non legate all’argomento in questione: vanno bene solo se molto ridotte.
  4. Conosci l’obiettivo della riunione e vai dritto al punto.
  5. Non aver paura di fare una domanda, ma non essere troppo pressante.
  6. Sintonizzati con le persone con cui stai parlando, con i loro interessi e con le loro motivazioni.
  7. Fai il tuo lavoro sulla persona, capisci cosa fa e cosa non fa, su cosa investe o meno e così via.
  8. Non parlare soltanto, ascolta: molti business infatti si focalizzano, più che sul parlare, sull’ascoltare, quindi non sopraffare l’altro con le chiacchiere, piuttosto senti cos’ha da dire e poni delle domande.
  9. Se otterrai un no, andrà bene, scova il motivo e vai avanti, ci tornerai in seguito.
  10. Vendi con coscienza e scoprendo cosa è necessario agli altri, non farlo solo per i soldi, piuttosto spiega sempre quali sono i vantaggi che ricaverà il cliente.
  11. Chiudi sempre in bellezza ogni riunione, chiedi o proponi le prossime fasi alla fine del meeting, che si tratti di un’email, di una chiamata, di un ulteriore meeting, di un’introduzione, di più materiali, ecc.: sintetizza la riunione quando stai per concluderla.
Lettura correlata:
Ricerca avanzata di Gmail: la guida definitiva

Spero che troverai utile questa lista e sentiti pure libero di aggiungere dei consigli, che magari hanno funzionato per te, nella sezione dei commenti qui sotto.

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento