Brand Management

10 consigli per creare dei video efficaci per il tuo business

Se hai deciso di creare un video per promuovere il tuo business, dovrai porti alcune domande prima di iniziare:

  • Il tuo video sarà utilizzato per postare sul tuo canale YouTube, sul tuo sito o si un altro sito nella speranza di attrarre più potenziali clienti possibile?
  • Utilizzerai il tuo video come freemium per attrarre gli utenti o con un premium per incentivarli a comprare?
  • Lo utilizzerai per insegnare a qualcuno come usare al massimo il tuo prodotto o servizio?
  • Vuoi creare dei video sul blog (chiamati “vlog”)?
  • Utilizzerai questi video come intro per i nuovi clienti? Ad esempio, potrebbe essere un video di benvenuto che spiega come avere accesso alle informazioni che hanno, mentre dà loro l’opportunità di vedere il tuo sorriso?
  • Vuoi che le persone paghino per vederti, come si fa solitamente per un video di formazione?

Una volta che avrai deciso lo scopo del tuo video, crearlo sarà semplice.

Segui queste 10 fasi per ideare con successo il tuo video:

1. Registra le decisioni

Decidi come registrare i tuoi video, ad esempio puoi farlo tramite il tuo smartphone con un economico selfie stick, così da poter tenere il cellulare lontano da te per inquadrarti meglio. La cosa più bella è il pulsante che ti permette di premere on/off facilmente mentre registri!

Ho un amico che fa parecchi video a settimana grazie al suo smartphone e al suo selfie stick! Quindi se decidi di fare registrazioni del genere, potrai saltare molte delle prossime fasi.

2. Equipaggiamento (videocamera, luci)

Se pensi di fare molti video in alta qualità, ti consiglio di comprare una buona videocamera, cosa che se decidi di fare, richiede anche l’acquisto di un microfono con una corda di 7,5 metri e di un treppiedi.

In questo caso dovrai anche munirti di un kit per le luci quadrate che varia di prezzo e che vengono chiamate anche “soft box”. Hanno delle cover che possono essere appoggiate sopra la lampadina che non solo alleggeriranno i tuoi occhi, ma renderanno più semplice la manutenzione delle luci, in modo da farti avere l’effetto che desideri.

Lettura correlata:
Le 4 (più grandi) bugie sull'Infobusiness

Ci sono molti tutorial eccellenti online su come impostare le luci e il background: guarda quelli più popolari su YouTube, così conoscerai tutti i modi con cui le persone si “illuminano”, a quanta distanza si mettono dalla camera e quanto si muovono (non molto nella maggior parte dei casi!).

Una volta capito qual è la migliore illuminazione per lo spazio in cui registri, su carta, disegna le varie posizioni che potresti avere così da replicare ciò che hai imparato.

Se non utilizzi un kit per le luci, registra accanto a una finestra e metti la videocamera fra te ed essa, così il tuo volto sarà illuminato, ma non eccessivamente al punto da rendere difficoltosa la visione del video e di te stesso, senza quindi risultare né troppo chiaro né coperto dall’ombra della camera o del background.

Gli utenti vogliono essere in grado di guardarti negli occhi per giudicare la tua sincerità e più la tua audience riuscirà a leggere dalla tua gestualità, più riuscirai a provare authority e credibilità.

3. Dove registrare

Decidi dove vuoi registrare: all’interno? All’esterno? In uno studio formale che hai adibito appositamente per il video? Davanti a qualcosa di simbolico? Pensa al background che la tua audience vorrebbe vedere. E’ qualcosa che deve essere interessante, ma che allo stesso tempo non deve distrarre?

Sarebbe meglio evitare di mettersi davanti a un muro o di avere qualcosa che riflette la luce dietro di te, come un quadro, perché anche se tu non lo vedi, in video si noterà, soprattutto se usi le luci!

E’ difficile, invece, fare un video all’aperto, dove gli utenti potrebbero sentire i cani abbaiare, gli aerei, le macchine, le sirene, i bambini e altre persone parlare… rumori che distrarrebbero anche te. Anche se trovarsi all’aperto fosse parte del tuo brand, è sempre consigliabile registrare all’interno, in uno spazio calmo dove puoi controllare i rumori dell’ambiente.

4. Cosa indossare

Pensa all’impressione che vuoi dare di te! La prima regola è quella di non indossare mai le strisce o piccoli disegni (perché mostrano confusione) o il rosso brillante o l’arancione (perché cozzano con l’effetto delle luci), o trucco con brillantini: tutto ciò che indossi darà immediatamente un messaggio.

Lettura correlata:
7 idee per semplificare la tua vita online

Le persone con un colorito di pelle chiaro dovrebbero indossare degli abiti scuri che facciano da contrasto, specialmente vicino al volto e in particolar modo se si ha un background con un colore bianco o comunque chiaro.

Prendi anche in considerazione il fatto di aggiungere del colore brillante, come quando, ad esempio, vedi un politico vestito di scuro, ma con una cravatta rossa.

Invece, chi ha una carnagione più scura dovrebbe indossare colori pastello, così da evidenziare e porre l’attenzione sul volto. Ricorda che i colori si mostrano sempre in maniera diversa in base ai diversi computer, laptop, smartphone e altri schermi.

5. Come preparare il tuo contenuto

Sei uno speaker che improvvisa e che riesce a parlare appassionatamente dopo aver dato uno sguardo ad alcuni appunti o a una lista? O preferisci una sorta di copione o proprio un gobbo?

Personalmente, dato che mi trovo in un gruppo, dispongo di una lavagna bianca gigante su cui scrivo a grandi lettere i punti principali di cui voglio parlare nei video e la metto solo un po’ più in alto della videocamera sul treppiedi, nel punto in cui gli occhi dovrebbero puntare.

Dopodiché le do uno sguardo una volta ogni tanto per assicurarmi di coprire tutti gli argomenti di cui volevo parlare. Puoi anche usare dei grafici che hanno il dietro appiccicoso così puoi attaccarle sul muro dietro la tua videocamera.

Oppure puoi affittare un gobbo (ma è costoso) oppure impostare il tuo laptop o il tuo iPad come gobbo; ci sono molte app e molti programmi disponibili per farlo. Indipendentemente da questo, il dettaglio importante è che quando usi le note, le pagine dei grafici, una pagina bianca o un gobbo, non muovi i tuoi occhi da sinistra a destra per leggere le righe.

6. Conto alla rovescia

Guarda in uno specchio prima di iniziare la registrazione e fingi di fare una seria ripresa per un meeting importante. Appari “bene”? Niente di scintillante? Un po’ di trucco dovrebbe coprire le occhiaie o quel brufolo che speravi non uscisse. I tuoi occhi sono ben svegli? Prendi dei respiri profondi e fai pratica nel sorridere senza timidezza.

Lettura correlata:
Come usare il tuo blog per ottenere riprova sociale e autorità

7. Impostazioni della videocamera

Imposta il microfono e accendi la funzione della registrazione, mettiti in posizione. Io di solito segno la mia posizione sul pavimento con il nastro adesivo, registro qualche minuto mentre parlo, lo rivedo e controllo che sia io che il mio background siamo apposto. Dopo cancello il video di prova per risparmiare lo spazio sulla memory card.

8. Preparati a registrare

Riaccendi il microfono, mettiti in posizione e fai un altro respiro profondo, sorridi e conta fino a cinque lentamente con la mente; guarda dritto in camera o poco più sopra, inizia a parlare e se fai un piccolo pasticcio, torna indietro all’ultimo punto che ricordi e ricomincia da lì. Ricorda di sorridere e di contare prima di iniziare di nuovo e sarà tutto più semplice da modificare.

9. Call-to-action

Assicurati di terminare con un tipo di call to action che potrebbe essere tipo “Vai sul nostro sito www.[nome].com per saperne di più” oppure “Scarica la tua copia gratuita del mio ebook [titolo] cliccando qui ora…” oppure “Per saperne di più, chiama il numero sullo screen”.

10. Rifinisci e guadagna col tuo contenuto

Ora puoi trasferire il video a un computer o a una chiavetta USB e quando avrai finito, potrai presentare il tuo video su tanti programmi, ad esempio noi utilizziamo un programma di editing chiamato Wondershare che ho trovato molto semplice da utilizzare.

Se ti senti nervoso o non hai dimestichezza con l’editing, ti consiglio di fare un giro su www.Fiverr.com, www.UpWork.com e su www.Craigslist.org per trovare un editor che faccia al caso tuo, così, quando avrai trovato la persona giusta, gli darai il file per modificarlo senza dover installare un nuovo software. Mi raccomando, assicurati sempre di tenere l’originale, non si sa mai.

Ora caricalo sul server così da renderlo pubblico! Noi li pubblichiamo su Vimeo poi su YouTube, su LeadPages o in una pagina del nostro sito, in base a come vogliamo che il potenziale cliente lo veda.

Ecco come puoi facilmente creare un contenuto video, ora potrai usarlo e riproporlo ovunque tu voglia!

Lettura correlata:
Le 5 regole per il successo come Solopreneur

L'autore del post

Stefan Des

31 anni, Internet Marketer dal 2007, padre di una splendida bimba di 3 anni. Appassionato di tecniche di vendita, di marketing e di Kayaking. Conosciuto per i best seller della serie "Explosion" e per aver aiutato oltre 7000 imprenditori ed aziende ad aumentare i profitti dei loro Business Online.

Lascia un commento